Aggiungi un Goji a tavola

Probabilmente non sorprenderà che questo piccolo frutto dalle proprietà così eccezionali possa avere un suo spazio anche in cucina, arricchendo numerose ricette sfiziose. Quindi perché beneficiare dei suoi potentissimi antiossidanti unicamente assumendolo in forma di bacca quando è possibile utilizzarlo per dare “una marcia” in più ai nostri piatti? Date un’occhiata ai nostri suggerimenti e lasciatevi ispirare. E buon appetito!

141282430_3782801408455587_1837941437043870066_o_copia

Cavolo Cappuccio con Bacche di Goji

Un filo d'olio, cavolo cappuccio, cipolla rossa di tropea e una manciata di Bacche di Goji Essiccate Biologiche Italgoji !
Ricette semplici come quelle dei nostri nonni.. Ma con una marcia in più!

Per quante persone?
6

Cosa mi serve?
1 Cavolo cappuccio
1 Cipolla rossa di Tropea
15g Bacche di Goji
Olio Evo
Sale
Pepe

Come si prepara?
Tagliate la cipolla a fettine sottili e il cavolo a striscioline (lavatelo poi sotto l’acqua corrente).
Versate 3 cucchiai di olio evo in una larga padella ed unite la cipolla.
Cuocere a fuoco medio 2-3 minuti ed unire il cavolo cappuccio.
Lasciatelo cuocere a fiamma media per altri 2-3 minuti rigirandolo spesso con un cucchiaio di legno.
A questo punto unite le Bacche di Goji Essiccate di Italgoji, coprite la padella con un coperchio e lasciate cuocere a fiamma bassa per altri 15 minuti girando di tanto in tanto. Se tende ad asciugare troppo aggiungete qualche cucchiaio di acqua.
Regolate di sale e pepe e servite in tavola!

P.S: ci stanno benissimo anche le olive nere denocciolate tagliate a rondelle!

Panna cotta energizzante

Cosa c’è di meglio di un ottimo dolce della tradizione Piemontese alla fine di un pasto in famiglia o con gli amici?
Provatelo con questa piccola variante che gli donerà un sapore unico nel suo genere. Energia allo stato puro!

Per quante persone?
8

Cosa mi serve?
500ml Panna per dolci
100ml Nettare di Goji e Mela Bio di Italgoji
150ml Latte
100g Zucchero
10g Colla di pesce
100g Composta di Goji e Mela Bio di Italgoji
15g Bacche di Goji Essiccate Italiane Bio di Italgoji

Come si prepara?
Far ammorbidire la colla di pesce in una ciotolina con dell’acqua fredda per 15 minuti.
In una casseruola versare la panna, il latte e il Nettare. Aggiungere lo zucchero e mettere sul fuoco a fiamma bassa.
Far scaldare il composto per 15 minuti, mescolando di tanto in tanto, poi togliere il composto dal fuoco ed aggiungere la colla di pesce ben strizzata.
Mescolare facendo sciogliere la gelatina.
Versare ora il composto negli stampini monoporzione e riporre in frigo per almeno 6/8 ore.
Capovolgere quindi gli stampini e guarnire con Composta di Goji e Mela e Bacche di Goji Essiccate Italiane Biologiche di Italgoji.

94640779_3052022681533467_3859524544955940864_o

Conchiglioni Tradizione e Innovazione

Vogliamo proporvi una ricetta ricca di benessere e, per noi di Italgoji, carica di sentimento. Questo perché gli ingredienti che accompagnano la nostra meravigliosa pasta di Gragnano provengono tutti dal nostro amatissimo paese!
Passato e presente si uniscono alla perfezione per un mix tra tradizione e innovazione.
Villareggia può fare anche questo.

Per quante persone?
4

Cosa mi serve?
300g Conchiglioni
300g Livertin (luppolo selvatico di Villareggia)
30g Bacche di Goji di Italgoji
4 fette di Brut di Villareggia
20g Grana Padano
3 spicchi d’aglio
Olio evo
Sale
Pepe

Come si prepara?
Fate cuocere i Conchiglioni in acqua salata.
Mentre la pasta cuoce prendete una padella antiaderente, versate dell’olio e fate rosolare l’aglio intero.
Unite i Livertin e fate cuocere a fiamma media per 10/15 minuti circa, finchè non si saranno ammorbiditi bene.
Aggiustate di sale e pepe ed eliminate gli spicchi d'aglio.
Prelevate metà Livertin e frullateli così da farne una crema, che andrete a rimettere in padella.
Scolate i Conchiglioni e versateli nella padella, quindi saltateli aggiungendo le Bacche di Goji, il Brut tagliato a cubetti ed il Grana Padano.
Versate nel piatto aggiungendo un filo di ottimo Olio Evo a crudo.

Polpo della Salute

Per quante persone?
2

Cosa mi serve?
500g Polpo
1 Peperone giallo
8g Bacche di Goji
1 Spicchio d’aglio
Prezzemolo
Olio Evo
Sale
Pepe

Come si prepara?
Portare ad ebollizione una pentola con abbondante acqua e, quando l’acqua bolle, immergervi il polpo e lessarlo per circa 50/60 minuti, in base alla tenerezza del polpo utilizzato
Quando risulterà bello morbido, spegnere il fuoco lasciar raffreddare nella pentola con l’acqua di cottura.
Nel frattempo in una padella mettere un filo d’olio e far soffriggere lo spicchio d’aglio. Aggiungere il peperone tagliato a pezzetti e cuocere a fuoco medio per 15 minuti circa.
Quando sarà quasi cotto, aggiungere il prezzemolo tritato e regolare di sale e pepe.
Frullare il tutto con un frullatore a immersione fino ad ottenere una salsa vellutata.
Ora prendiamo il polpo (a temperatura ambiente) e tagliamo tentacolo per tentacolo.
Mettere un filo d’olio evo in una griglia e scottare a fiamma alta i tentacoli.
Servire adagiando i tentacoli sulla salsa di peperoni ed aggiungere Bacche di Goji Italiane Biologiche di Italgoji ed un filo d’olio Evo a crudo.
Buon appetito!

94779352_3046094908792911_8956220350874517504_o

Sushi all'Italiana

Ecco a voi la nostra idea di sushi!
Un piatto della tradizione giapponese che abbiamo voluto rivedere in chiave italiana per assaporare le bontà del nostro bel paese.
Riso roma, foglie di bieta, tomino di capra e tonno.
E per concludere in bellezza il sushi del benessere, le nostre Bacche di Goji Biologiche!
L'ideale per chi vuole prendersi cura della propria salute, dietetico e soprattutto Italiano al 100% !

Per quante persone?
2 (circa 8 uramaki)

Cosa mi serve?
Per il riso:
200g riso roma
200ml acqua
30ml aceto di riso
8g sale
12g zucchero

Per la farcitura di ogni rotolo:
2 foglie di bieta belle grandi
Tomino di capra
Tonno
Bacche di Goji
Glassa di aceto Balsamico di Modena IGP

Come si prepara?
Prima di tutto dobbiamo preparare il riso.
Per preparare il riso per sushi come prima cosa sciacquate accuratamente il riso roma in acqua fredda per eliminare le impurità. Dovrete cambiare l'acqua fredda ripetutamente fino a che non sarà diventata limpida, così da eliminare la maggior parte possibile di amido.
Poi lasciatelo a bagno per un'ora.
Scolatelo e lasciatelo riposare all'interno dello scolapasta, posizionato su un'altra ciotola per 5 minuti.
In una pentola dai bordi alti versate 200ml di acqua.
Unite il riso pulito.
Accendete il fuoco e coprite la pentola con un coperchio.
Quando inizierà a bollire girate una volta sola il riso con un mestolo di legno, per ottenere una cottura uniforme.
Cuocete a fuoco medio per 5 minuti, poi abbassate la fiamma e cuocete per altri 7 minuti a fuoco basso.
A questo punto spegnete il fuoco e lasciate riposare SENZA togliere il coperchio.
Preparate il composto di aceto di riso, che donerà un gusto leggermente acidulo. In un pentolino versate l'aceto di riso e aggiungete il sale. Scaldate a fuoco medio-basso per far sciogliere il sale, fino a che non avrà raggiunto il bollore.
Aggiungete quindi lo zucchero, mescolate 11 e spegnete il fuoco.
Lasciate raffreddare.
Ora che il riso è pronto, prendete un vassoio in ceramica basso e largo per condire il riso. Versate il riso all'interno e aggiungete il composto di aceto, spargendolo bene. Mescolate il riso delicatamente fino a che non apparirà lucido e ben condito. Per raffreddarlo fate aria con un ventaglio in modo che l'aceto evapori velocemente.
Una volta condito copritelo con un panno umido per mantenere il calore costante e sarà pronto per comporre i vostri uramaki.

Per la farcitura.
Prima di tutto bollite a vapore le foglie di bieta, che andranno a sostituire la classica alga.
Preparate anche il tonno tagliando a strisce non troppo sottili.
Ora possiamo passare alla preparazione vera e propria dei nostri rotolini.
Vi servirà una classica tovaglietta rigida in plastica, tipo quelle che si usano per fare colazione (se è molto grande, potete dividerla in 2).
Avvolgete la tovaglietta con la pellicola.
Posizionate le foglie di bieta al centro della tovaglietta.
Inumiditevi le mani con acqua acidiluta e prelevate il riso. Stendetelo, schiacciandolo con la punta delle dita e spostandolo in modo uniforme su tutta la superficie delle biete. Lo spessore del riso non deve essere molto alto. Aiutatevi inumidendovi le mani con l'acqua acidulata. Con l'esperienza riuscirete a capire quanta ne serve: se è troppa il riso scivolerà dalle mani, se troppo poca resterà appiccicato.
Sollevate delicatamente la bieta e capovolgetela in modo che il riso sia a contatto con la tovaglietta e la bieta rivolta verso l'alto.
Stendete il tomino al centro della bieta in modo da riempirne l'intera lunghezza. Adagiatevi sopra, una dietro l'altra, le Bacche di Goji Biologiche di Italgoji. Subito "sotto", verso di voi, aggiungete le strisce di tonno, una consecutiva all'altra.
Dovrete lasciare circa 2-3 cm tra gli ingredienti e il bordo della bieta.
Con entrambe le mani sollevate il bordo della tovaglietta più vicino a voi e iniziate ad arrotolare. Fate una leggera pressione con le dita, spingendo gli ingredienti verso l'interno, sollevate di nuovo la tovaglietta e terminate di arrotolare il rotolino.
Aprite la tovaglietta e trasferite il rotolino su un tagliere.
A questo punto aggiungete le Bacche di Goji di Italgoji come decorazione e, dopo aver inumidito la lama di un coltello con semplice acqua, tagliate il rotolino e servitelo con glassa di aceto Balsamico di Modena IGP.

0 WooCommerce Floating Cart
ACQUISTA ANCORA 90 € PER OTTENERE LA SPEDIZIONE GRATUTITA.

Nessun prodotto nel carrello.