Il Goji

Il “Goji” è una pianta originaria dell'Asia (Cina, Mongolia, Tibet) dalle foglie oblunghe e piccoli fiori violacei, che nel periodo estivo produce tanti piccoli frutti di color rosso brillante conosciuti con il nome di “bacche di Goji”.

Questi frutti, grandi circa quanto un mirtillo, sono associati a parole come “giovinezza”, “longevità”, “benessere” e, da tempi antichissimi, sono utilizzati dalla medicina tradizionale orientale.

Le varietà

La varietà fa la differenza. Coltiviamo solo piante di Lycium Barbarum, le uniche che producono frutti dolci e succulenti ricchi di sostanze benefiche che rendono le bacche di Goji un “Superfood”.

Da non confondere con la varietà del Lycium Chinense che produce frutti molto simili ma dal gusto amaro ed aspro che non posseggono molte delle preziose proprietà.

397px-232_Lycium_barbarum_L

Il biologico

Per la cura delle nostre piante siamo BIO al 100%.
Non usiamo prodotti chimici di sintesi nei concimi o nei trattamenti per le patologie delle piante.

Il nostro concime è a Km0 e arriva direttamente dal letame fermentato da un’azienda locale.

Per trattare le piante utilizziamo solo accorgimenti naturali come batteri (Bacillus thuringiensis), lieviti e funghi antagonisti.

Le piante

Il Lycium Barbarum è una pianta della famiglia delle Solanaceae dal portamento scomposto ed espanso, con uno sviluppo di 2-2,5 m in altezza e 1-1,5 m circa in larghezza.

Estremamente adattabile e rustica, vive sia in terreni acidi sia alcalini e resiste molto bene alle malattie ed alla siccità.

Predilige un clima temperato (ma può sopravvivere anche a -15°), zone molto soleggiate e terreni di medio impasto e ben drenati che non provocano ristagni idrici.

Coltiviamo le nostre piante di Lycium Barbarum a Villareggia, in provincia di Torino, sapendo che qui hanno tutto ciò che serve.

Lycium Barbarum

I fiori

La fioritura avviene verso l’inizio dell’estate e termina ad ottobre inoltrato.

I fiori, simili a quelli della patata (anch’esso della famiglia delle Solanaceae), sbocciano all’apice dei nuovi rametti ed hanno la corolla campanulata composta da cinque petali uniti, di colore lavanda e lilla pallido.

L’impollinazione della pianta è un processo fondamentale e viene realizzato delle api e dai bombi che trasferendo il polline da un fiore all’altro favoriscono la formazione dei frutti.

La raccolta

I frutti sono maturi tra agosto e settembre e li raccogliamo a mano, uno ad uno, avendo cura di non rompere il picciolo per non rovinarli.

Di colore rosso vivo e dal sapore molto dolce, vengono consumati freschi oppure trasformati in succhi, marmellate, concentrati od essiccati.

Questo sito web utilizza i cookies anche di terze parti per facilitare la navigazione. Cliccando qualunque elemento di questa pagina acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra cookie policy oppure ESCI maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi